Luoghi da visitare

Forte Diamante

diamante_v1

Forte Diamante (624 s.l.m.), posizionato sulle alture tra la Val Polcevera e la Val Bisagno[1], prende il nome dal monte su cui è stato eretto tra il 1756 e il 1758 su proposta dell’ingegnere Jacques De Sicre, come posizione avanzata per controllare le mosse del nemico nelle valli sottostanti …

continua a leggere su Wikipedia

ITINERARI:

  • Con il caratteristico Trenino di Casella, da piazza Manin, si può scendere a Campi, per proseguire a piedi fino al Forte (30 minuti circa)
  • Un percorso di trekking non troppo difficoltoso permette di vedere i quattro forti Sperone, Puin, Fratello Minore con arrivo al Diamante
  • In mountain bik, si può seguire il percorso del CAI lungo le mura

Dopo il trekking sul Diamante si ci può fermare a mangiare presso la Baita del Diamante, all’inizio della via dell’acquedotto.

Nel 2015 il Diamante ha fatto da sfondo al primo Sant’Olcese Trail

 

Sentiero di Ciaè

ciaè

Ciaè è un minuscolo villaggio nascosto tra i boschi sul bordo di un torrente, lungo l’antica via che collegava Sant’Olcese alla Crocetta d’Orero. Un tempo a Ciaè funzionava un mulino dedito prevalentemente alla macinatura di castagne. Resiste ancora all’usura del tempo il piccolo ponte medievale che scavalca il torrente. Per decenni il villaggio è stato abbandonato del tutto. Poi sono intervenuti i volontari della Guardia antincendi di Sant’Olcese, che hanno trasformato la mulattiera per Sant’Olcese in un interessante sentiero botanico, e hanno ristrutturato una vecchia casa attrezzandola a rifugio.

Il Rifugio incustodito di Ciaè è utilizzabile seguendo le procedure descritte sull’apposita pagina nel sito dell’Alta Via dei Monti Liguri.

Ogni primo maggio, Ciaè si anima con la Festa Ruspante sostenibile: cibo, giochi ed educazione ambientale.

Per raggiungere il Sentiero Botanico che conduce in Ciaè si oltrepassa la Chiesa di Sant’ Olcese e si prosegue per circa 1 Km, dopo di che si svolta a sinistra e si segue per 1,3 Km la strada comunale che porta all’ abitato di Ronco. Da lì parte il sentiero, che ha come segnavia due linee orizzontali parallele rosse.

Poco prima del bivio con l’indicazione per il sentiero botanico si trova un piccolo parcheggio allestito per i visitatori.

Alcuni link utili:

Un bell’articolo sul sentiero

Il percorso che raccorda Ciaè con l’Alta Via